Archivi categoria: parola

STATI GENERALI DELL’EDITORIA

Tanto per dire, ogni tanto, della realtà Gli <<stati generali dell’editoria>> attualmente in corso, creazione manipolata,voluta promossa realizzata e con un finale già scritto dai 5s, decretano la vittoria dell’estrema destra come principale forza organizzata della cultura italiana. In realtà … Continua a leggere

Pubblicato in parola, percezione, prosa, Uncategorized | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Asana e percezione

Ultima fatica   VIRGINIO SPARAVIGNA 2018 ASANA E PERCEZIONE PERCEZIONE ORDINARIA E PROFONDA INTENSITA’ E CONCENTRAZIONE RIFLESSIONI sparavignavirginio@yaho.it INDICE Pag 3—–DENTRO GLI ASANA 2018 Pag 19—LA MOLTEPLICITà UNISCE 2016-2018 Per informazioni su di me reinvio al mio web-site http://www.sparavigna-video-graphic.com. Da … Continua a leggere

Pubblicato in comunicazione, corpo, hatha-yoga, parola, percezione, Uncategorized | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Il martedì della domenica

Il fiume, consapevole delle proprie ramificazioni, risplende di luce. Una neve fredda lo attraversa, i messaggeri sono innevati, cuccioli lanosi increspati di giada. Da queste parti ho sempre smarrito il senso dell’origine. Mi restano i perchè. La saggezza della mia … Continua a leggere

Pubblicato in comunicazione, corpo, parola, percezione, prosa, Uncategorized | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

E poi

Il corpo aspira il respiro umido del mattino, il contatto nasce nel ventre-collina, mano nel cielo affonda i canali del mattino. Il suono del risveglio, serpe della mia pelle. È sorprendente la luce a poca distanza del mio corpo mi … Continua a leggere

Pubblicato in comunicazione, corpo, parola, percezione, prosa, Uncategorized | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Rete

Pubblicato in comunicazione, corpo, parola, prosa, Uncategorized | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Dal vento

Il vento entra nelle stanze interiori dalla bocca, dagli occhi, dalle narici, solleva la pelle per facilitarne la fioritura inumana che mi incendia le braccia, i polpacci, che crepita nelle vertebre. A volte il vento è un fiume di luci … Continua a leggere

Pubblicato in comunicazione, corpo, cosmo, parola, percezione, poesia | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Scelta

In ogni momento si cela una scelta, è il mio corpo ad elaborare la sua natura, il mio corpo non mi preferisce, guarda altrove, io seguo e inseguo, non capisco. Il mio corpo sceglie ciò che è mio solo per … Continua a leggere

Pubblicato in comunicazione, corpo, letteratura, parola, percezione, poesia, prosa | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

It was July, traduzione di <>

On the surface the tempest draws its lines. After the fog has vanished the light runs though the trees without blinding me. Wait for the evening when the contact returns! The crowd estranges me, it looks for some friends, it … Continua a leggere

Pubblicato in comunicazione, letteratura, parola, poesia, Uncategorized | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Era luglio

In superficie la tempesta scandisce le ore. Dopo che la nebbia si è dissolta la luce scorre tra gli alberi senza accecarmi. Aspetta la sera quando il contatto ritorna! La folla mi estranea, cerca degli amici, trova il ghiaccio, morbido … Continua a leggere

Pubblicato in comunicazione, corpo, cosmo, letteratura, parola, percezione, poesia, prosa | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

cibo d’aria, english translation

MYSELF, MY FOOD, THE AIR I BREATHE, THE LIGHT WHICH MAKES ME BLIND, MY DEATH, THE MOON, THE TREES, THE FLOWERS AND MUCH MORE, ALL OF THEM GET TOGHETHER, THOUGH, NONE OF THEM LOOSES ITS OWN APPEARANCE. THE IMAGES, THE … Continua a leggere

Pubblicato in comunicazione, corpo, parola, poesia, Uncategorized | Contrassegnato , , | Lascia un commento